AMMINISTRATIVE RIMINI 2016: I VOLTAGABBANA COL SINDACO INDAGATO …. ciò che la stampa non scrive

14 aprile 2016

Pecci spara a zero contro i voltagabbana del “centro destra” che virano a sinistra e scelgono Gnassi: «una scelta suicida al fianco di una candidato prossimo a salire sul banco degli imputati del processo Aeradria»
«Apprendo dalla stampa che Gnassi ha rastrellato nuovi e curiosi alleati» – commenta sarcastico il candidato a primo cittadino Marzio Pecci che poi aggiunge «imprenditori, commercianti e professionisti un tempo autoproclamatisi di centro destra sembrerebbero aver perso la bussola e, a un paio di mesi dal voto, virano a sinistra strizzando l’occhiolino a quello stesso partito che, beffardamente, ha fatto finta di non vedere e non ha condannato le aggressioni di sabato scorso ».
«Ricordo a questi personaggi improvvisamente riscopertisi di sinistra che hanno scelto di andare a braccetto con quel PD che si è “divorato” la città» – prosegue Pecci che poi punta il dito contro il Sindaco uscente Andrea Gnassi «protagonista il prossimo 20 aprile, sul il banco degli imputati del tribunale di Rimini, del processo Aeradria. Tra i capi di accusa: associazione a delinquere, bancarotta, truffa e abuso d’ufficio. I riminesi – conclude Pecci – non meritano tutto questo e soprattutto non meritano di essere rappresentati da una classe dirigente che per anni ha preferito, sembrerebbe, promuovere i propri interessi a discapito di quelli della collettività».

Annunci