Amministrative Rimini 2016: le associazioni vendono i loro iscritti

28 marzo 2016

Ci vuole uno psicologo per comprendere quei Presidenti di associazioni affetti dalla sindrome di Stoccolma che vendono a Gnassi (gran vecchio della politica già a vitalizio) i propri soci.
Io voglio una Rimini che rispetti i diritti dei cittadini e di tutti i membri delle associazioni siano essi albergatori, commercianti, artigiani o industriali che non si riconoscono nella politica dell’inciucio e degli scambi clientelari.

Annunci

Amministrative Rimini 2016, il perché della candidatura

27 marzo 2016

Ho accettato la candidatura a sindaco per la Lega Nord perché ho deciso di debellare l’epidemia del PD, delle sue Cooperative, dei suoi ricatti e delle solite facce che fanno del “sistema Rimini” lo strumento per divorarsi la città. Si sono mangiati l’aeroporto, la Cassa di Risparmio, la Camera di Commercio, il Palacongressi ed ora stanno apparecchiando la tavola con la Fiera, pronti a venderla a Bologna.
Agli onesti, alle persone per bene voglio offrire la possibilità di cambiare, col voto, democraticamente, la nostra città. Dobbiamo  riportarla ad essere famosa nel  mondo con il brand “Rimini”. Dobbiamo ripartire.


RIMINI. ELEZIONI, LA LISTA ‘UNITI SI VINCE’ APPOGGIA IL CANDIDATO SINDACO PECCI. MORRONE (LEGA NORD): “GRANDE SODDISFAZIIONE, QUESTA LISTA RAPPRESENTA UN VALORE AGGIUNTO DI PERSONE E IDEE” RIMINI –

26 marzo 2016

 “Grande soddisfazione” è stata espressa da Jacopo Morrone, segretario nazionale della Lega Nord Romagna, di fronte alla decisione della lista ‘Uniti si vince’ di appoggiare Marzio Pecci che punta a diventare primo cittadino di Rimini.
“E’ una lista che raccoglie diverse istanze tutte riconducibili all’area di centro-destra, in decisa contrapposizione con il rassemblement che sostiene la candidatura del sindaco uscente, unito solo da interessi clientelari e di potere che poco hanno a che vedere con la buona amministrazione di una città – illustra Marzio Pecci – Credo che la lista ‘Uniti si vince’ rappresenti un valore aggiunto importante per le politiche che intendiamo proporre e realizzare a Rimini. La compongono infatti persone esperte, che hanno già dimostrato, ampiamente, capacità amministrative, intelligenza istituzionale e senso di responsabilità”.
Marzio Pecci esprime la propria soddisfazione per la scelta operata dai fondatori della lista “Uniti si vince” che hanno accolto l’invito che il candidato della Lega ha lanciato loro l’11 febbraio scorso. Il gruppo di lavoro, quindi, si allarga e una rappresentanza ancora più ampia collaborerà all’elaborazione del programma per cambiare la città di Rimini.
“Lega Nord  e ‘Uniti si vince’ formano una coalizione per vincere e cambiare realmente la città – spiega Pecci – proponendo un’amministrazione nuova in grado di raccogliere le migliori risorse umane del mondo imprenditoriale e dell’associazionismo. Sarà un gruppo di lavoro coeso che saprà costruire senz’ombra di dubbio una città intelligente, dove le risorse finanziarie dell’Europa, unitamente alla compartecipazione dei privati potranno soddisfare i bisogni dei cittadini e sapranno restituire al centro storico ed ai quartieri la loro identità”.

“Lega Nord e ‘Uniti si vince’ danno inizio alla Primavera Riminese per distruggere il ‘Sistema Rimini’ ed il


Amministrative. Il 9 aprile il leader della Lega Salvini a Rimini per sostenere Pecci

22 marzo 2016

Quando nel gennaio scorso, in conferenza stampa, i vertici romagnoli della Lega avevano presentato il candidato a sindaco di Rimini Marzio Pecci lo avevano detto. Ieri è arrivato l’annuncio ufficiale: sabato 9 aprile il leader del Carroccio Matteo Salvini sarà proprio a Rimini.

Ancora non ci sono ulteriori dettagli ma la notizia, pubblicata ieri sera sulla pagina Facebook della Lega Nord Rimini, ha smosso sui social l’entusiasmo dei sostenitori della Lega e qualche immancabile critica.

“Per vincere” ha postato il candidato Marzio Pecci a corredo della notizia condivisa sulla propria pagina.


AMMINISTRATIVE RIMINI 2016: programma elettorale, tutela degli animali

21 marzo 2016

Il mio programma elettorale per Rimini 2016 guarderà sicuramente alla tutela degli animali.

Voglio una città dove, anche gli animali, abbiamo una attenzione da parte dei cittadini riminesi.

Immagino la creazione di una colonia per gatti da affidare alle “Gattare”, ove seguire efficacemente i programmi di sterilizzazione, nonché il potenziamento del canile.

Occorre pensare al servizio delle “adozioni” lasciando al canile il solo compito di “cura e transito”.

Voglio riservare agli animali una città che abbia per loro rispetto, amore e considerazione.

Penso anche allo sviluppo di un turismo a dimensione di cani e gatti dove il turista possa portarli al mare, presso strutture organizzate dagli stabilimenti balneari, ai ristoranti alle camere d’albergo.

Voglio creare la card “Mi Fido di Te” che consenta al turista di ottenere una serie di benefits, magari in partnership con una delle aziende del settore.

 

 


Amministrative Rimini 2016: “Gnassi ha venduto Rimini a Bologna. Riprendiamocela e trasformiamola in una città nuova”

21 marzo 2016

Turismo, economia, urbanistica e cultura: Marzio Pecci a tutto campo nell’incontro con i commercianti della città

 

Il centro di Rimini ha bisogno di eventi, di una stretta collaborazione tra amministrazione e fiera per creare nuovi appuntamenti in centro, magari connessi all’evento fieristico in corso. A Rimini servono nuove attrattive per incentivare i cittadini e i turisti a vivere il centro e non secondario la città non può fare a meno del suo aeroporto. E’ necessario incentivare la formazione ed aumentare le professionalità degli operatori. Non è accettabile che la fiera di Rimini si fonda con quella di Bologna.

Queste sono solo alcune delle osservazioni raccolte dal pubblico che ha preso parte all’incontro organizzato (giovedì 17 marzo, all’Hotel Columbia) dal candidato Sindaco della Lega Nord Marzio Pecci. Proprio dai partecipanti sono arrivati stimoli e proposte interessanti e molti di loro non hanno nascosto il loro malcontento nei confronti dell’amministrazione uscente.

“Tutto questo perché  Gnassi ha già venduto Rimini a Bologna, eseguendo solo i compiti che il PD e Braccini gli dettano”, sottolinea il candidato del Carroccio che, in occasione dell’appuntamento pubblico rivolto ai commercianti della città, ha presentato alcune proposte che saranno discusse e inserite nel programma elettorale.

“Il centro è desolato, perché? Ve lo spiego io – ha incalzato i commercianti il candidato leghista – Marina e centro storico sono due zone nettamente divise; manca una promozione del patrimonio architettonico così come dei beni storici nel centro. Non si promuove il museo. Sono state preferite le banche agli esercizi commerciali. Gli immobili del salotto buono della città non sono stati ristrutturati. Gli uffici amministrativi sono stati spostati. Dulcis in fundo, come si fa a venire in centro se non ci sono parcheggi?”

Le proposte di Pecci per cambiare rotta sono chiare e concrete: “Entriamo nel circuito del turismo culturale inserendoci negli itinerari dei tour operator insieme a Roma, Firenze e Venezia. Se intercettassimo solo un decimo degli arrivi, avremmo un aumento del 130% delle presenze complessive, il tutto a costo zero perché basterebbe una buona comunicazione e promozione da parte dell’amministrazione”.

Portiamo in centro le grandi firme facendo in modo che una volta arrivate, si stabilizzino e non siano costrette ad andarsene. Noi vogliamo rilanciare il brand di Rimini e per questo puntiamo ad una riqualificazione degli immobili del centro, consentendo anche il frazionamento ed i cambi di destinazione d’uso”.

Anche sulla questione parcheggi Marzio Pecci ha le idee chiare: “Realizzeremo parcheggi là dove servono e cioè in prossimità del centro, nella zona di Ponte Tiberio e area Settebello, valorizzando l’esistente area Scarpetti e collegandole al cuore della città con mezzi elettrici”.

Da ultimo ma non meno importante, il candidato della Lega ha lanciato l’idea di realizzare una Piastra che colleghi Marina al centro storico, acquisendo l’area del dopolavoro ferroviario e un calendario di eventi  che animino la città tutto l’anno.

“Ho in mente il festival della moda, quello dello sport, l’utilizzo del palacongressi diverso da quello attuale, un museo del cibo o il museo dell’olio, un progetto di ristorazione dei prodotti tipici del territorio. Rimini deve diventare una bella esperienza per tutti: per i suoi cittadini ma anche per tutti gli ospiti che decidono di trascorrere qui le loro vacanze”.


Amministrative Rimini 2016: Osta te!

18 marzo 2016

 

Leggo i giornali e mi vengono in mente le parole di “Bocca di rosa” di Fabrizio di André:

Si sa che la gente dà buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio, si sa che la gente dà buoni consigli se non può più dare cattivo esempio. Così una vecchia mai stata moglie senza mai figli, senza più voglie, si prese la briga e di certo il gusto di dare a tutte il consiglio giusto. ……………… Ed arrivarono quattro gendarmi con i pennacchi con i pennacchi ed arrivarono quattro gendarmi con i pennacchi e con le armi. Spesso gli sbirri e i carabinieri al proprio dovere vengono meno ma non quando sono in alta uniforme e l’accompagnarono al primo treno.

A Rimini succede sempre tutto e il contrario di tutto …. soprattutto a sinistra!

Osta Te!